Lana

L’Italia ha una tradizione di pastorizia e di lavorazione della lana, la fibra tessile naturale che si ricava dal vello di alcuni animali sia nel corso della loro vita che dopo la macellazione. L’utilizzo risale a 3000 anni prima di Cristo ed è stata da sempre utilizzata per scaldare l’uomo nei periodi invernali. Diffusa in tutta Europa, così anche in Italia che ha lavorato per centinaia di anni la lana per produrre vestiti.

In particolare alla lana è legato il rito della tosatura delle pecore, che venivano tosate in primavera. A volte le pecore venivano fatte saltare nei fiumi per far sì che la lana si lavasse; in tal caso si parla di lana saltata.

La lana di concia è invece prelevata dall’animale dopo la sua morte.

Filatura per lana a fibra corta, pettinatura per lana a fibra lunga e tessitura sono le operazioni che si fanno per passare dalla lana tosata alle pecore al filo di lana poi utilizzato per la produzione dei capi.

La lana è una fibra calda e morbida al tatto che ha segnato la storia dei popoli e delle nazioni.