Come trascorreremo l’estate del 2021?

L’incertezza dovuta alla pandemia, al nuovo aumento dei contagi, ai dubbi circa l’effettiva efficacia dei vaccini domina questi giorni e molti tra noi non sanno ancora come trascorreranno i giorni di ferie estivi. Incertezza che ha portato a non prenotare una vacanza, e, a chi l’ha prenotata, porta la tentazione di disdirla.

Ma possiamo trasformare questa fase storica in un’occasione per poter riprendersi un po’ della propria intimità, per ricercarsi e ritrovarsi, per leggere un libro con più calma e non sentirsi costretti a correre, ad inseguire, a fare, a raggiungere, a divertirsi? Probabilmente sì. Possiamo trasformare in opportunità questo momento che mai nessuno avrebbe voluto vivere.

Trascorrere il proprio tempo libero dedicandosi a sé stessi, dopo un anno di lavoro e ristrettezze, può sembrare essere sottotono, una perdita di tempo; eppure la possibilità che ci porta questa stranissima situazione di dedicarsi a sé stessi è evidente e chiara.

Allora quest’estate, durante le nostre ferie, rallentiamo, leggiamo un libro, curiamo la nostra casa, curiamo il nostro corpo, la nostra famiglia, i nostri figli, i nostri genitori, i nostri affetti. Riordiniamo i nostri spazi interiori e fisici. Ritroviamo il piacere di fare una barba col sapone e col rasoio a mano piuttosto che con il rasoio elettrico, ritroviamo il piacere di una colazione che non sia un rapido caffè, soffermiamoci a parlare con gli altri con più calma, dedicando la giusta attenzione al colloquio, all’ascolto, al rapporto con gli altri.

Ci sarà tempo di ripartire per visitare luoghi e civiltà, tempo per viaggiare nuovamente in paesi stranieri, tempo per divertirsi a per ballare nelle discoteche, tempo per stare nei pub fino a tardi. Impieghiamo invece questo tempo che non possiamo vivere in piena libertà, per imparare meglio a conoscere noi stessi, per imparare a costruire con attenzione il nostro futuro, magari rivalutando i nostri valori guida ed i nostri effettivi desideri.

Questo silenzio ci può permettere di sottrarci dalle urla del consumismo e delle feste per forza.

Curiamo le nostre passioni, i nostri affetti, la nostra casa. Rallentiamo in questi giorni e cerchiamo la serenità apprezzando tutto ciò che abbiamo e spesso non riusciamo a vedere.